Fatturazione elettronica B2B ? Vi diamo un appuntamento

blog

Il recente provvedimento della Agenzia delle Entrate datato 30 aprile 2018, oltre a definire alcuni aspetti relativi all’uso della firma digitale e alla conservazione in sostituitiva, ha sgomberato il campo da qualunque possibilità di rinvio o proroga.
Così, se fino a ieri solo i fornitori della Pubblica Amministrazione erano obbligati a inviare fatture in formato elettronico, dal 1 gennaio 2019 il processo di scambio delle fatture elettroniche si estenderà anche ai soggetti privati.

PRIMA FASE: La filiera dei carburanti anticipa i tempi

L’obbligo riguarderà innanzitutto i settori della cessione di benzina e gasolio per motori e quello dei subappalti nell’ambito di contratti di appalti pubblici.
Per loro infatti, l’imposizione entrerà in vigore già dall’ormai prossimo 1° luglio 2018.

SECONDA FASE: L’estensione al B2B

Diverso il caso per le aziende di tutti gli altri settori che effettuano operazioni B2B, le quali saranno interessate dall’obbligo a partire dal 1° gennaio 2019. Le fatture elettroniche B2B viaggeranno sempre attraverso il Sistema di Interscambio (Sdi), vale a dire il canale in cui già ora transitano le fatture elettroniche destinate alla Pubblica Amministrazione oltre ai dati dello Spesometro e delle comunicazioni delle liquidazioni Iva.

È evidente che, indipendentemente dai tempi di emissione obbligatoria, le Aziende potrebbero avere già nel 2018, per obbligo o volontà dei propri fornitori, un problema di ricezione delle fatture elettroniche.

 

COS’È UNA FATTURA ELETTRONICA ?

La fattura elettronica è di fatto un sistema digitale di emissione, trasmissione, ricezione e conservazione delle fatture che permette di eliminare il supporto cartaceo.
Il nuovo formato in cui le fatture elettroniche devono essere prodotte, trasmesse, ricevute, archiviate e conservate è un formato digitale chiamato XML (eXtensible Markup Language), un linguaggio informatico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento, al fine quindi di verificare le informazioni per i controlli previsti per legge.
L’autenticità dell’origine e l’integrità del contenuto sono garantite tramite l’apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura.

 

COS’È IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO?

Conosciuto anche come SDI, è un sistema informatico, gestito dall’Agenzia delle Entrate, in grado di:

ricevere le fatture sotto forma di file con le caratteristiche del formato XMLPA
effettuare controlli sui file ricevuti
inoltrare le fatture ai destinatari.

Il Sistema di Interscambio non ha alcun ruolo amministrativo e non assolve compiti relativi all’archiviazione e conservazione delle fatture; è sostanzialmente un canale, un ‘postino’ che recapita un flusso.

LA SOLUZIONE PER MAGO: IL DIGITAL HUB

E’ un servizio in grado di gestire Fatture Elettroniche B2G / B2B / B2C sia in emissione (ciclo attivo) che in ricezione (ciclo passivo). L’utente del servizio si configura quindi sia come ‘cedente’ (quando emette la fattura) sia in qualità di ‘cessionario’ (quando la riceve).

• E’ un servizio in grado di gestire altri adempimenti verso lo SDI quali l’invio della liquidazione Iva e l’invio delle fatture emesse e registrate (C.A.D.I.).

• E’ un servizio automatico in grado di svolgere tutti i processi in autonomia.

• E’ utilizzabile via web con un PC o tramite una appmobile.

• E’ integrato con gli applicativi Microarea- Zucchetti.

• E’ integrabile a soluzioni esterne al mondo Microarea-Zucchetti

 

L’INVIO DELLA FATTURA ELETTRONICA

Tra i diversi canali proposti dal servizio SDI per inviare la fattura elettronica la Microarea-Zucchetti ha scelto il Servizio SDIFTP basato su protocollo FTP (File Transfer Protocol) accreditandosi presso l’Agenzia delle Entrate / SDI in modo da qualificarsi come intermediario.

Tre le opzioni possibili per l’utente Digital Hub:

1. Il cedente (*) emette fattura direttamente.
2. Il cedente delega Zucchetti quale emittente ** della fattura.
3. Il cedente delega un altro intermediario quale emittente ** della fattura.

* Il cedente o prestatore è il FORNITORE che emette fattura ai propri clienti.
** L’emittente emette la fattura per conto del cedente/prestatore.

esempio 1
Il cedente emette fattura

esempio 2
Il cedente delega Zucchetti 

esempio 3
Il cedente delega altro intermediario

IL CICLO PASSIVO – LE FATTURE ELETTRONICHE RICEVUTE

Le modalità con cui è possibile ricevere una fattura passiva sono:

Ricezione tramite PEC (posta elettronica certificata)
Le fatture vengono inoltrate all’operatore economico come allegato di un messaggio di PEC, sulla medesima casella il ricevente dovrà inviare il file messaggio di “accettazione” o “rifiuto “ delle fatture ricevute.

Ricezione tramite Servizio SDIFTP
Per usufruire di questo canale di trasmissione, basato su protocollo FTP (File Transfer Protocol) è necessario accreditarsi presso il Sistema di Interscambio, oppure avvalersi di un intermediario quale è la Zucchetti.

INDIRIZZO ZDH CANALE FTP
Tramite questo indirizzo, assegnato dall’Agenzia delle Entrate/S.D.I. a Zucchetti quale intermediario, tutte le fatture passive che conterranno il relativo riferimento, verranno recapitate direttamente sul Digital Hub che provvederà, previa identificazione del cessionario/cliente, a renderle disponibili agli utenti del servizio.

 

RICEZIONE FATTURA ELETTRONICA

Tre le opzioni possibili per l’utilizzatore del Digital Hub:

1. Il cessionario (*) riceve direttamente le proprie fatture

2. Il cessionario delega Zucchetti quale ricevente delle proprie fatture.

3. Il cessionario delega un altro intermediario quale ricevente delle proprie fatture.

Tramite il Portale, l’utente Digital Hub, qui in qualità di cessionario, accetterà o rifiuterà le fatture ricevute. Digital Hub  invierà poi le notifiche allo SDI.

* Il cessionario o committente è il CLIENTE che riceve le fatture dai propri fornitori

esempio 1
Il cessionario riceve le fatture

esempio 2
Il cessionario delega Zucchetti

esempio 3
Il cessionario delega altro intermediario

FATTURAZIONE ELETTRONICA B2B? VI DIAMO UN APPUNTAMENTO !

Per il 2018 i clienti Mago che utilizzano il servizio Digital Hub con:

a) FatelWeb, vedranno abilitarsi la funzionalità di emissione e ricezione delle fatture elettroniche B2B
b) CadiWeb riceveranno in omaggio la funzionalità di ricezione delle fatture elettroniche B2B

Entro il 31/12/2018 l’attuale servizio Digital Hub verrà disattivato; si potrà procedere alla sua riattivazione attraverso la sottoscrizione di un nuovo contratto per la definizione del quale è indispensabile sapere:
a) qual è il numero di fatture che -presumibilmente- emetterete nel 2019
b) qual è il numero di fatture che -presumibilmente- riceverete nel 2019

Per coloro i quali, poi, non utilizzano ancora il servizio Digital Hub e/o non vorranno aspettare il prossimo mese di gennaio ma vorranno (o dovranno) anticipare i tempi, sarà importante conoscere il numero di documenti trattati dal momento in cui si intenderà attivare il servizio, fino a fine 2018.

Il nostro consiglio è quello di non aspettare l’ultimo momento ma di arrivare alla data già preparati e con la buona conoscenza dello strumento Digital Hub.

Vi invitiamo quindi a inviarci i dati relativi al numero di fatture emesse e ricevute nel 2019 e negli ultimi mesi del 2018, rispondendo oggi stesso a questa comunicazione, inviando una mail a info@mediacentercube.it indicando il numero totale di fatture che presumibilmente riceverete/emetterete nel 2019 e il numero totale di fatture che presumibilmente riceverete/emetterete negli ultimi mesi del 2018.

Di tutto questo parleremo con Voi tra poche settimane, durante un incontro al quale avremo il piacere di invitarVi e per il quale, entro qualche giorno, riceverete tutti i dettagli su date, orari e location.

Come cambia la normativa? Quali sono i vantaggi? Quali strumenti ho a disposizione?

Insieme a Microarea e Zucchetti risponderemo a tutte le vostre domande e Vi mostreremo i vantaggi del Digital Hub.

… A PRESTO !

MEDIA CENTER cube s.r.l.

Via Renato Prunas 8 – 09126 Cagliari

(+39) 070670593 info@mediacentercube.it

P.IVA 02197430925

MEDIA CENTER cube s.r.l.

Via Renato Prunas 8
09126 Cagliari

(+39) 070670593 
info@mediacentercube.it

P.IVA 02197430925

La truffa arriva dentro il crack

blog

Nuova “truffa dell’assistenza tecnica” nascosta nei programmi pirata. Schermo blu e la proposta di acquistare un software per sbloccare il PC.

Attenzione alla nuova variante della “truffa dell’assistenza tecnica”. Questa volta la minaccia si nasconde dentro il crack di software pirata e sfrutta un sistema particolarmente insidioso per approfittare delle ignare vittime.

A spiegare come funziona il tutto ci ha pensato il ricercatore di Malwarebytes Pieter Arntz, che come riporta Bleeping Computer ha illustrato nel dettaglio le modalità con cui i pirati cercano di estorcere denaro a chi finisce nella trappola.

Tutto comincia con un file eseguibile che viene diffuso su Internet sotto forma di un crack che dovrebbe permettere di installare software pirata sul computer.

In realtà il file EXE in questione non fa nulla del genere, ma scarica una serie di eseguibili sul computer, che vengono attivati in serie per frodare la vittima.

Il primo a entrare in azione è csrvc.exe, che si installa come servizio di Windows e ha il compito di disattivare alcune funzioni del sistema operativo, come il Task Manager e l’Editor del Registro di Sistema.

Subito dopo è il turno di BSOD.exe, il cui compito è quello di avviare l’attacco vero e proprio. Il file visualizza sullo schermo una falsa schermata blu di errore (BSOD sta per Blue Screen Of Death o “Schermata blu della morte”, come viene comunemente chiamata – ndr) sul monitor della vittima, accompagnato da fastidiosi segnali acustici.

La schermata blu è identica a quella che (purtroppo) siamo abituati a vedere quando si verifica un crash di Windows. Ma in questo caso il sistema non ha nessun problema. È tutto falso.

Contemporaneamente, troubleshoot.exe fa comparire sullo schermo una finestra che ha lo stesso stile grafico dei messaggi di Windows e che propone di avviare uno strumento di diagnostica che dovrebbe risolvere il problema.

L’analisi (assolutamente farlocca) segnala una serie di problemi e propone di acquistare Windows Defender Essentials o avviare una sessione di chat con il servizio di assistenza, anche questo a pagamento. Lo strumento di pagamento? PayPal.

Se la vittima della truffa esegue il pagamento, verrà reindirizzata all’indirizzo http://hitechnovation.com/thankyou.txt. Il programma, a questo punto, rileverà la stringa e visualizzerà una schermata dalla quale si deduce che tutti i problemi sono stati risolti.

Chi dovesse finire vittima dell’attacco può terminare il tutto seguendo una semplice procedura. Quando viene richiesto il pagamento, è sufficiente premere la combinazione di tasti Ctrl + O.

Si aprirà una finestra di dialogo in cui viene chiesto a quale sito ci si vuole collegare. Inserendo “http:// hitechnovation.com/thankyou.txt” il malware registrerà la stringa che normalmente viene caricata quando si è effettuato il pagamento e terminerà la sua attività.

L’ideale, giova ribadirlo, è quello di non finire nella situazione di dover aggirare la truffa, evitando magari di usare crack per software pirata.

Fonte: Security Info Italia

MEDIA CENTER cube s.r.l.

Via Renato Prunas 8 – 09126 Cagliari

(+39) 070670593 info@mediacentercube.it

P.IVA 02197430925

MEDIA CENTER cube s.r.l.

Via Renato Prunas 8
09126 Cagliari

(+39) 070670593 
info@mediacentercube.it

P.IVA 02197430925